• Report seduta di laurea del 20 e 21 ottobre

    On: 24 ottobre 2017
    In: Attività Accademiche
    Views: 327
     Like

    Vibo Valentia. Si è tenuta nei giorni 20 e 21 ottobre presso l’Aula Magna Pitagora dell’Accademia di Belle Arti Fidia con sede a Stefanaconi (VV), la cerimonia solenne per il conferimento delle lauree di I e II livello per la sessione autunnale dell’Anno Accademico 2016/2017. Interessantissimi gli elaborati presentati dai laureandi, che hanno spaziato dalle preziose ricerche monografiche su Magritte, Modigliani, Monet, attraverso gli studi etnoantropologici e tecnico/laboratoriali. Dai lavori multimediali alla produzione pittorica, grafica e scultorea, fino dentro le radici delle tradizioni degli antichi vasari e liutai calabresi e siciliani. Insomma un corpus di attività di finissima matrice accademica, sotto la guida attenta e professionale dei docenti che hanno presieduto la commissione, dal Magnifico Michele Licata ai ch.mi Antonino Francesco D’Angeli, Renè Bruzzese e Tony Afeltra. Ad esaminare i laureandi è stato il noto critico d’arte Pasquale Lettieri, Direttore del Dipartimento di Progettazione e arti applicate, sotto lo sguardo attento del commissario governativo Francesco Righini, docente dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro. Proprio quest’ultimo a conclusione dei lavori ha voluto elogiare la qualità dell’operato degli studenti e del corpo docenti della Fidia alla luce dei risultati di eccellenza presentati in sede di discussione degli elaborati finali. A rendere speciali i festeggiamenti e a fare da cornice alle attività accademiche la presenza nell’aula magna della mostra del maestro di fama internazionale Ugo Nespolo, inaugurata lo scorso 13 ottobre da Dorina Bianchi, Sottosegretario di Stato al Ministero per i Beni e le Attività culturali e il Turismo e illustrata durante i lavori da Flaminia Frioni, attenta studiosa dell’artista.

    Leggi
  • Dorina Bianchi inaugura il nuovo anno dell’Accademia “Fidia”

    On: 13 ottobre 2017
    In: Eventi
    Views: 237
     Like

    Pittura, scultura, arti figurative. Ma anche cinema, scenografica, fotografia. L’Accademia di belle arti “Fidia” di Stefanaconi si apre ai nuovi linguaggi comunicativi e alle contaminazioni. Una realtà formativa che affonda le sue radici nelle solide fondamenta dell’arte del Novecento senza però disdegnare le espressioni artistiche contemporanee. Un’istituzioni di livello universitario, dalla storia trentennale, che riparte con rinnovato slancio verso un altro anno accademico. A tenere a battesimo l’avvio dei nuovi corsi, un ricco parterre di esperti e addetti ai lavori, per una cerimonia inaugurale, impreziosita dalla mostra “Time afetr time” dell’artista Ugo Nespolo, e dal taglio del nastro effettuato dal sottosegretario ai Beni culturali Dorina Bianchi.

    I lavori, introdotti dal direttore del dipartimento di Progettazione e arti applicate, Pasquale Lettieri, e dagli interventi musicali degli studenti del Liceo “Vito Capialbi” di Vibo Valentia, hanno preso il via dopo i saluti del sindaco Stefanaconi, Salvatore Solano, e della stessa Bianchi, ospitando poi le relazioni del fondatore e direttore dell’Accademia “Fidia” Michele Licata, del presidente onorario della “Fidia” Ermenegildo Frione, dell’antropologo Lino Mungari e di Giuseppe Anelli, presidente della Fondazione Sapientia Mundi di Roma.

    Il primo cittadino Solano, nel rimarcare il rapporto di vicinanza e collaborazione con l’Accademia “Fidia”, «realtà universitaria che da decenni è motivo di orgoglio e di prestigio per il nostro paese», ha segnalato come «anche i centri minori siano in grado di custodire eccellenze e di esprimere potenzialità, spesso sottovalutate, che meriterebbero però ben altre attenzioni» esortando infine direttamente la Bianchi a «valorizzare di più le realtà periferiche attraverso azioni mirate».

    Dal canto suo il sottosegretario di Stato ai Beni e alle attività culturali con delega al Turismo ha esaltato il ruolo delle accademie, «sono una fucina di nuovi talenti e sono felice di essere qui ad inaugurare un nuovo anno accademico. I beni culturali – ha aggiunto Dorina Bianchi – sono per l’Italia un patrimonio inestimabile ma oggi più che scommettere sui giovani diventa particolarmente importante soprattutto per la Calabria. Questa accademia ha saputo innovare sia attraverso nuove tecnologie che attraverso lo scambio internazionale: qui oggi ci sono trenta studenti cinesi che danno una dimensione di ampio respiro a questa accademia».

    Per Michele Licata, «gli artisti, di tutte le tendenze, di tutti gli stili, di tutte le ascendenze e discendenze, sono i protagonisti della nostra accademica, in un grande territorio, mai neutro, che risente delle tracce delle grandi scuole del Novecento e che fa i conti con un oggi che non si concede distrazioni, facendo esperienza della contemporaneità in tutta la sua dimensione onirica, passionale, alienante o anche salvifica».

     

    Fonte: www.ilvibonese.it

    Leggi
  • Vibo Valentia, si inaugura l’anno accademico 2017/18 dell’Accademia di Belle Arti Fidia

    On: 1 ottobre 2017
    In: Eventi, News
    Views: 285
     Like

    Grande attesa per l’inaugurazione dell’Anno Accademico 2017/18 dell’Accademia di Belle Arti Fidia di Vibo Valentia, in programma il 13 ottobre, presso la prestigiosa sede dell’istituzione di Alta Formazione Artistica con sede a Stefanaconi. Per l’occasione è s
    tata organizzata dal Dipartimento di Progettazione e arti applicate diretto dal prof. Pasquale Lettieri e dal Presidente Onorario dell’Accademia Fidia Ermenegildo Frioni, una mostra del maestro di fama internazionale Ugo Nespolo, la cui presenza durante il vernissage arricchirà ulteriormente il patrimonio storico artistico di uno straordinario avamposto culturale immerso nel cuore della Magna Grecia. A tagliare il nastro alle ore 11.00, sarà il Viceministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dorina Bianchi, che presenziera’ il dibattito di apertura dei lavori accademici e di studio, che vedranno impegnati, dopo un saluto di indirizzo del direttore Michele Licata e del sindaco di Stefanaconi Salvatore Eugenio Solano, studiosi del calibro di Gabriele Simongini, storico dell’arte, Giuseppe Catapano, Rettore AUGE, Romana Buttafuoco, restauratrice, e Marcello Palminteri, critico e curatore.

    a cura di Maria Parente (lanotteonline.com)

    Leggi